venerdì 1 aprile 2011

accaduto alla Treviso Marathon

da Il Gazzettino
... tolto l'arco con un'ora di anticipo
http://www.ilgazzettino.it/articolo.php?id=143445&sez=LADENUNCIADELGIORNO

Mi chiamo Stefano Ragusa, ... proprio all'altezza del 41esimo chilometro, appena dopo porta San Tommaso era stato installato l'arco della Provincia di Treviso, arco sotto al quale gli atleti passavano per poi entrare nel centro storico della città; mentre passavano le ore e gli atleti e mentre aspettavo la Mia atleta, alle ore 15 in punto gli addetti della Provincia hanno cominciato a smontare il suddetto arco, con quasi un ora di anticipo rispetto al tempo limite di 6 ore garantito dall'organizzazione della manifestazione e creando, non poco disagio ad alcuni atleti che in quel momento transitavano e si sono trovati di traverso sul tracciato un gigantesco gonfiabile floscio ...
...Davanti alla mia richiesta ad un addetto del perchè di quel gesto la risposta è stata: "Tanto per quei 4 che manca!". ...

La Treviso Marathon chiede scusa...
http://www.gazzettino.it/articolo.php?id=143641&sez=NORDEST#IDX

..., vorremmo porgere le nostre scuse al sig. Stefano Ragusa e, soprattutto, alla moglie maratoneta, in relazione allo spiacevole episodio che l’ha vista coinvolta in occasione della manifestazione di domenica scorsa. ...(ecc.ecc.)

Il Comitato Organizzatore della Treviso Marathon

Io la vedo così:
Mentre i proclami degli organizzatori sono trionfalistici i risultati reali (dal sito dei cronometristi TDS) parlano chiaro:
anno 2008 arrivati 4627 (l'anno delle tre partenze tricolori)
2009 arrivati 2867
2010 arrivati 2219
2011 arrivati 2203
un continuo calo di partecipanti.
Qualcosa non va, me ne dispiace, veramente.

4 commenti:

theyogi ha detto...

ma dai, era solo un pesce d'aprile... anticipato! :) clamoroso autogol.....

GIAN CARLO ha detto...

Io credo che l'episodio ...pur deprecabile centri poco con il calo dei partecipanti.
Treviso si deve scontrare in questa fetta di stagione con Padova, Milano e naturalmente Roma.
Non ho mai corso a Treviso(nelle altre si) e da quel che ho letto è il percorso + veloce(che già Padova e Milano lo sono senza dubbio)... ma credo pure che per fare "numeri" non basti + essere solo "veloci".
oltre il 50% dei partenti di Roma mi sento di dire che se ne fregano del time ...ma sono contenti di correre su un percorso oggettivamente così bello...
Se Treviso in futuro si attesta su uno zoccolo duro di 2-3000 persone probabilmente quello è il suo target ideale e su quello anche i servizi qualitativi che possono essere dati agli atleti di sicuro saranno di ottimo livello.

giovanni56 ha detto...

A mio parere c'è qualcosa di più, e lo sento frequentando Treviso e dintorni. C'è un progressivo imbarbarimento, uno "stile Gentilini" che da una parte soddisfa alcuni (non tutti eh!) ma anche crea un'aria poco ospitale che viene percepita (se non espressa pienamente come nelle parole degli addetti all'arco gonfiabile), e produce danni.

Manuela Sartor ha detto...

Sono d'accordo con Giovanni: il vero problema è l'arroganza! Basta che la gente abbia pagato: esempio principe l'anno della pioggia incessante! Arrivare dopo la maratona sotto il vento freddo e la pioggia scrosciante senza un telo sotto cui stare, docce molto lontane,...