lunedì 8 marzo 2010

Reinterpretazioni

Dopo che sarò partito nella prossima maratona i miei legali avranno il mandato per chiedere un intervento immediato del Presidente della Repubblica verso gli Organizzatori per fare in modo che il regolamento sia reinterpretato e:
1) io venga incuso nella lista dei premiati, in quanto un nome importante come il mio non può rimanere escluso dall'albo d'oro della manifestazione;
2) all'arrivo, dal mio tempo finale siano estromesse le ORE, in quanto in quel periodo io ero presente all'interno del percorso di gara, sono stati i ristori a farmi perdere tutto quel tempo, per cui solo un legittimo impedimento non mi ha permesso di tagliare prima il traguardo. Il fatto che questo mi permetterà di vincere la gara ha un'importanza irrilevante ponendo quelle poche ORE di fronte all'eternità;
Inoltre chiederanno i danni morali all'Azienda incaricata per il rilevamento dei tempi in quanto colpevole per aver abbinato il mio nome ad un tempo infamante.

Andrebbe anche reinterpretato l'Articolo 3 della Costituzione:
Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese.
In quanto qualsiasi tipo di classifica derivante da attività sportiva è un'ostacolo che impedisce l'eguaglianza dei cittadini, e la Repubblica deve rimuoverlo.

P.S. anch'io l'ho buttata in ridere, in realtà è veramente triste vedere come una banda incolore di cialtroni tratti questi argomenti

1 commento:

the yogi ha detto...

triste dici? io sono incazzatissimo con questa gentaglia! e ancor più con chi continua a dargli credito!