domenica 18 settembre 2011

Dolo - Marcia per la Salute 2011

La voglia di correre non manca mai, invece latita quella di gareggiare seriamente.
Nonostante il CPT preveda ben 23 gare mi sà che anche quest'anno riuscirò a correre a malapena le 13 necessarie per entrare in classifica finale, e così accontentare (solo un po') il Presidente Maurizio.
Oggi dovevo andare a Bassano del Grappa, bella gara, percorso ondulato con passaggio sopra al mitico Ponte degli Alpini, invece il logorio causato da questo lungo protrarsi di antibiotici mi ha consigliato di lasciar perdere le faticate e dirottare su una ben più pacata FIASP dal nome benaugurante.
A Dolo avevamo corso una decina d'anni fa, Donatella stava preparando la SUA Venice Marathon ed i lunghi ce li godevamo in compagnia, quei 30km ce li ricorderemo per sempre, pioggia continua dall'inizio alla fine.
Oggi invece giornata soleggiata ed afosa, non avendo cose lunghe in programma ho scelto i 16 km (circa) sempre lungo le nostre campagne, con molto asfalto ben controllato dalle "gendarmerie" e tratti sterrati fra i campi tanto per alleviare quella noia che comunque pervade questo tipo di percorsi.
Solita folta partecipazione e lunghe code alle iscrizioni, che vado a motivare.
E' stata ben applicata la legge che prevede l'obbligatorietà di una assicurazione fornita dall'organizzatore (non tutte la mettono in pratica a loro rischio), per renderla pienamente valida c'è bisogno di scrivere i singoli dati sia sul cartellino sia su una lista che rimane all'organizzatore, ecco che le code diventano inevitabili se le iscrizioni sono fatte tutte all'ultimo minuto anche se comunque ai tavoli ci sono molti addetti.

Lo SQUERO è il luogo dove si costruiscono e riparano le imbarcazioni, a Dolo ne esiste uno (in foto) costruito dalla Serenissima e restaurato, i servizi gara erano nelle sue prossimità.
La Riviera del Brenta e le sue ville offrono molti di questi scorci che sono solo intravisti durante le varie gare competitive che la percorrono, stranamente oggi hanno preferito evitarli proprio tutti, quando proprio in questo tipo di manifestazioni, senza affanni e ritmi cronometrici, si potrebbe ben goderli.
Io abito a pochi km di distanza eppure non saprei bene individuare l'anonimo giro che ci hanno fatto fare, aspettavo di ripassarmelo su Google Maps ed invece da un po' di giorni (troppi) ci sono dei problemi che non permettono il caricamento di nuovi tracciati, se ne riparlerà.
Prima metà "gara" corsa attorno ai 5'15'/5'20 senza noie, spesso spaccando il secondo al km, "tirato" dalla compagnia di Andrea & cugino che hanno proseguito sui 30km; seconda metà in solitaria altalenando 4'30-5'30, con una buona iniezione di soddisfazione finale che proprio cercavo.

2 commenti:

theyogi ha detto...

mi sa che siamo sulla stessa barca (ma lo squero può aspettare :D ), sia a tempi che a voglia di gareggiare....

Mr. Tambourine ha detto...

Uau.