domenica 9 ottobre 2011

Musano - Trofeo AVIS 2011

A volte sono anche dispettoso, domenica scorsa non vi ho raccontato la gara di Montebelluna, nemmeno adesso volevo parlarvi di questa di Musano.
Dopotutto se non si ha molto da dire è meglio starsene zitti.

Le gare del CPT si ripetono instancabilmente, da metà settembre a fine novembre praticamente ogni domenica, fra di loro non uguali ma simili; organizzazioni collaudate ed ottime, con percorsi dove si bada più alla fluidità che alle amenità, la settimana scorsa collinare al 95% asfalto, oggi piatto piatto e nemmeno un cavalcavia o un argine a smuoverlo, con 3 lunghezze di 5, 11 e 21 km. Con 3 € d'iscrizione danno un riconoscimento gastronomico (oggi 2 stracchini), ristori abbondanti, e vi racconto un aneddoto.
La prima volta che ho corso a Musano, una ....ina di anni fa, era una giornata fredda e con nebbia fitta, dopo l'arrivo, al ristoro finale, mi hanno messo in mano una vaschetta bollente con dentro pasta e fagioli, in un primo momento mi sembrava quasi una bestemmia mangiarla, ma poi il tepore dalle mani si è trasferito allo stomaco;  le volte seguenti quella vaschetta è diventata per me il simbolo di questa gara, il MIO premio finale.

Sono in buona fase di recupero, l'infezione sembra superata, gli antibiotici smaltiti, ed iniziano ad arrivare i frutti dei duri allenamenti estivi con il ritmo che cresce. Un mesetto fa avevo 5km di tenuta a ritmo gara (poi il crollo), domenica scorsa sono arrivato a 7km (collinari), oggi ho tenuto fino al termine degli 11km, anche aumentando nella parte finale; sono stato l'ombra di un compagno di squadra, grazie Giorgio, mi è dispiaciuto che al termine tu abbia calato, però stavolta sentivo di averne di più e ne è uscita la mia miglior media al km di tutto l'anno, non vi dico qual'è, guardatevi l'immagine.

1 commento:

theyogi ha detto...

invece la gare e i ristori che descrivi sono entrati nell'immaginario collettivo come 'ideali', conforta sapere che c'è almeno un posto dove il running viene prima del profitto....