mercoledì 28 marzo 2012

Vivere alla giornata, in un limbo

Le mie attuali uscite di corsa infrasettimanali non li chiamo allenamenti, è solo un modo per godermi il tepore di queste giornate cercando di lasciare a casa i molti, troppi, pensieri (a differenza di quando si corre anche per svilupparli), è solo un modo per godermi il progredire di questa splendida stagione praticando lo sport che preferisco.

A volte si vivono situazioni scomode senza vedere vie d'uscita a breve, si attraversano lunghi periodi di "limbo", eterne sale d'attesa senza che mai si apra la tua porta.
Ci si ritrova:
1- ne carne ne pesce
2- ne acqua ne vino
3- ne pane ne polenta
4- ne bianco ne nero
5- ne mari ne monti ("qualcuno" sta rovinando il vocabolo)
6- ne lavoro ne pensione

Navigo a vista, oggi per domani, quando suona il telefono mi aspetto solo due cose, o novità su mia madre o qualcuno che viene a veder casa, non posso fare programmi nemmeno a breve termine,
ed allora le mie risposte di oggi sono:
1- formaggio, frutta e verdure
2- biiirra
3- crackers
4- rosso
5- pianura
6- mobilità.

C'est la vie (è la vita):

3 commenti:

GIAN CARLO ha detto...

Di Monti non parlo ... la mia religione non me lo consente.
Goditi questa primavera e credici la ruota un bel giorno tornerà a girare dalla parte giusta.

theyogi ha detto...

io che sono laico invece ne avrei ma te le risparmio, preferisco citare un santo vero: la vita è un sogno che non merita le nostre lacrime.....

giovanni ha detto...

Grazie ragazzi, sempre vicini (:)