mercoledì 25 aprile 2012

Scarpinando Insieme, a Spinea

Ennesimo tentativo di ritorno alla normalità.
Gli ultimi 25 aprile li avevo trascorsi correndo in collina, dove però la condizione atletica attuale non mi avrebbe permesso il divertimento, allora ho preferito ritornare a questa manifestazione che si svolge ad un paio di km da casa mia, che nel passato avevo corso varie volte e che poi ho abbandonato ... per cambiare strade.
Corse di questo genere (organizzate pro asilo delle suore e pro missioni) solitamente attirano 300/400 partecipanti mentre oggi, invogliati da un bel squarcio di sole, i partecipanti sono stati ben 1500, dei quali 1/3 "corridori" ed il rimanente bambini e genitori in passeggiata sul percorso breve; quindi immaginatevi il caos festante. L'organizzazione ha ben saputo destreggiarsi (e si merita la foto del post), i parcheggi sono quelli del centro cittadino (comunque capienti), arrivando una mezz'oretta prima della partenza ho trovato poca coda alle iscrizioni, e partendo veramente tutti assieme i camminatori sono rimasti indietro e non son stati per niente d'intralcio. Il percorso lo conosco benissimo, ed i miei unici obiettivi erano quelli di correre sempre sui circa 13km, di non frantumarmi le gambe (e non frantumarmi anche quelle cosine che si appoggiano dove le gambe iniziano) sui 3km di argine molto sterrato a tre quarti gara. Obiettivi centrati in pieno lasciando completamente da parte l'agonismo (in queste 2 ultime uscite non ho nemmeno indossato il Garmin). Le altre volte avevo sempre patito il caldo nella parte finale, questa volta la temperatura era accettabile; comunque dall'ultimo ristoro mi sono portato via una bottiglietta d'acqua che ho infilato nell'elastico dei pantaloncini sulla schiena, senza tappo, immaginatevi quanto frescolino/umido ha accompagnato le mie parti basse in quegli ultimi km.

4€ alle suore li ho dati volentieri, so che li useranno per scopi meritevoli, e comunque ci hanno dato in cambio una maglietta in cotone, premi ad estrazione del numero di cartellino, 3 ristori lungo il percorso più quello finale dove, a parte l'assalto dei bambini assiderati comunque ben contenuto, ho riscontrato l'unica piccola pecca.
In un sondaggio recente la domanda: "cosa preferisci trovare al ristoro di fine gara?" ha avuto queste risposte:
il 52% preferisce trovare frutta
il 27% alimenti "salati"
il 19% dolci (e queste erano le 3 scelte)
il 2% ha aggiunto ... birra
Cosa c'era nel ristoro finale di oggi? Solo dolci e yogurt.
Capisco che è più comodo aprire e riversare sacchetti di biscotti piuttosto che imbottire panini o tagliare spicchi di frutta, però ... almeno qualcosina ... un po' di varietà ... vabbè, un'inezia nell'insieme.
Una nota sui genitori del giorno d'oggi:
cosa porti a fare tuo figlio ad una corsa se poi gli urli di non sudare e di non affaticarsi? (e ben più di uno).
Poveri bambini.

Nessun commento: