mercoledì 16 maggio 2012

Maratonda, girando in tondo mai nessuno sta davanti o sta dietro

Qualche domenica fa, attorno a mezzogiorno, ritornavamo da una corsa.
Ci siamo fermati ad un semaforo, alla nostra destra un caseggiato metteva bene in mostra, dietro ad una vetrata, la lunga fila dei tapis roulant di una palestra. In molti li stavano usando, avevano davanti un incantevole, estasiante, panorama statico sulla circonvallazione nord di Treviso (l'espressione del cagnolino è significativa, probabilmente frequenta la stessa palestra).
Correvano?
Si può chiamare "correre" il rimanere sempre sullo stesso posto?
Sicuramente il gesto atletico c'è, sicuramente c'è il sudore, però la corsa è un'altra cosa.
Qualcuno potrebbe ribattere che il tapis roulant è la massima espressione della non competitività, si, se non avesse il display; io lo giustifico unicamente in caso di maltempi prolungati.

Questo fatto mi è ritornato in mente mentre giravo attorno al Forte Gazzera, e ad ogni passaggio rompevo le scatole ai coniglietti selvatici (ne ho già parlato in vari post) che di prima mattina uscivano al tepore del sole e facevano colazione con l'erba appena tagliata distesa ad asciugare.
Io correvo lento, molto lento, ed alla loro vista rallentavo ancora di più per ritardarne le fughe e poter prolungare il piacere del momento; loro fuggivano ma, considerato che un giro è lungo poco più di 1 km, poi avevano il tempo per rinfrancarsi e riuscire dagli sterpi dove erano corsi a rifugiarsi, così il giro dopo me li ritrovavo.
Dicono che in palestra si va per "cuccare" (dicono), però "cuccheranno" di più (ed avranno vite più soddisfacenti) quei coniglietti o i frequentatori di quella palestra?
Risposta scontata, parlano i fatti, parla l'evidente proliferazione.

Sbeffeggio del correre "ciclico", in tondo, dei tapis roulant:
Gira in tondo sempre e intanto asciugati anche tu
niente è più seccante di una corsa in su e in giù
mara-maratonda testa in basso e gambe in su
non c'è stato inizio e non ci fer-me-re-mo più
di correr, di saltar, calciar di qua e di là
cominciò domani l'altro ieri finirà
Gira gira in tondo c'è più gusto e sai perchè?
non c'è mai nessuno che stia avanti o che sia indietro
e avanti gira in tondo provaci anche tu
niente secca meglio di una corsa in su e in giù

2 commenti:

Abro ha detto...

Perfettamente d'accordo con te. Anche in caso di pioggia, neve e caldo africano preferisco stare fuori. Però capisco chi lo usa per scaldarsi 5 minuti o vuole evitare di subire le interperie ...

theyogi ha detto...

mentre nuoto in piscina, scorgo i podisti dei tapis al piano superiore: li immagino come criceti sulla ruota, ma chissà cosa penseranno loro, da lassù, vedendoci sguazzare vasca dopo vasca.... :)