domenica 18 novembre 2012

Mosnigo 2013

Classica chiusura del circuito CPT, non l'avevamo in programma, decisa all'ultimo.
Pensavo su come portare avanti questo periodo di stagione, la buona condizione fisica mi ha permesso le ultime 2 gare in crescendo, quindi continuare o tirare i remi in barca? Gli anni scorsi a partire da metà Novembre, fino a fine dicembre, mi sono preso un periodo di riposo, arrivando anche a zero allenamenti, quest'anno cosa fare? Risposta: "Di solito quando arrivo ad ottenere una buona condizione fisica la mantengo per sole 2 gare consecutive, domani sarebbe la terza ....................... ci provo".

A Mosnigo negli anni scorsi abbiamo trovato le condizioni meteo più varie, neve, pioggia, sole splendente, gelo, mentre oggi giornatina accettabile; una cosa non è mai mancata ... il fango.
Tantissime presenze, i classici 3 percorsi di 5, 11, e 21,097km accontentano un po' tutti i palati (ah no, quelli si chiamano ristori); completamente piatti, circa 1/3 asfalto, 1/3 stradine sterrate fra i boschi, ed oggi 1/3 ... fango.

Partenza esuberante: "vada come vada", ritmo ben tenuto fino a metà, salto del ristoro intermedio (col senno di poi, forse se mi fermavo riprendevo fiato) e subito dopo mi si è arrugginito quel filo che unisce cervello a cuore e gambe, i pensieri si sono ossidati, non proprio stanchezza ma senso di vuoto generale e conseguente rallentamento osceno, con ultimo km in un lampo di competitività assopita, stimolata da un accerchiamento di fantasmi, propiziamente lasciati alle spalle.

Vabbè, è andata anche questa, non riesco a fare calcoli ma scommetto che la media oraria di oggi è la media esatta di tutte le gare dell'annata.

Bella serata quella di venerdi scorso:

SERATA PER LUANA
La travolgente storia di Luana, una maratoneta nella sua sfida per la vita.

Presentazione del romanzo “Storia del tempo inutile” di Luana
Gorza che combatte per vincere la Sclerosi Laterale Amiotrofica.
Luana, moglie di Johnny Schievenin (Fiamme Oro), ex sciatrice e
maratoneta, è una tosta e non si lascia domare.
Il libro contiene esperienze degne di essere conosciute da chi non
le vive personalmente, dimostrazioni di forza e tenacia.

Lettura di Emanuela Zuccolotto di alcune poesie della
scrittrice, con accompagnamento musicale della
violinista Lavinia Lasen.

2 commenti:

Michele Boffo ha detto...

Che invidia...ed io qua fermo, con le ginocchia doloranti!! Non vorrei che questo amore per il running, non fosse altro che una storia d'amore travolgente, ma breve.....O forse più semplicemente, la regina (la distanza regina), non fa per me.....

Michele Boffo ha detto...

Che invidia...ed io qua fermo, con le ginocchia doloranti!! Non vorrei che questo amore per il running, non fosse altro che una storia d'amore travolgente, ma breve.....O forse più semplicemente, la regina (la distanza regina), non fa per me.....