mercoledì 14 agosto 2013

La nevicata


Dicono che la pioggia di Ferragosto segna il termine dell'estate ... di già?

Il giorno di Ferragosto sarà senza corsa, ho "già dato" oggi, la vigilia, così cerco di regalare un po' di fresco a chi è ancora immerso nella calura.

Ci siamo trasferiti a Prada a fine marzo, ma già da un paio di mesi eravamo entrati in possesso della casa, e durante quel periodo abbiamo fatto dei lavori interni.
Uno dei primi giorni che eravamo su, mentre attendevamo l'arrivo di idraulici della zona per un sopralluogo, verso le 16:00 ha iniziato a nevicare, da subito abbondantemente.
Visto che poco dopo sarebbe arrivato il buio, assieme a Donatella abbiamo deciso di premunirci e montare le catene alle ruote della C2. Verso le 18:00 la neve era alta quasi mezzo metro, continuava a scendere copiosa, buio fitto, freddo boia, con la stufetta lasciata dal vecchio proprietario di casa che si mangiava legna a tutto andare, ritornandoci calore solo fino ad 1 metro da lei, così l'unico modo per non congelarci era ... andare nel retrocasa a prendere ulteriore legna.
Telefonano gli idraulici, sono fermi giù a Schievenin e non riescono a salire, le ruote slittano troppo.
Porcaccia miseria, eravamo rimasti là solo per attendere loro.
Decido, scendo a prenderli io.
Pian pianino, con la piccola C2, con ogni fanaleria possibile accesa, vado giù; all'inizio avevo un po' di timore, non lo nego ma, proseguendo e affrontando le ripide discese e gli 11 tornanti, mi sono reso conto che non era una cosa impossibile, anzi è arrivata anche un po' d'ironia: "io, veneziano di pianura, non ancora trapiantato fra i monti, che andavo a "recuperare" due montanari DOC".
Carico i due tizi, li porto su, fanno il loro sopralluogo, e li riporto giù.
Per me è stata una bella iniezione di fiducia.
Dopo quell'esperienza la C2 è andata nelle mani di mia figlia ed il suo posto è stato preso da una 4x4, così nessun inverno potrà farci paura.

Nei caldi giorni passati abbiamo pranzato sotto al gazebo a sinistra, 10 gradi in meno rispetto alla pianura, con leggera arietta; adesso indossiamo la tuta.

E' tutto, dal vostro inviato ai confini con il Paradiso, eh si, sono immerso nelle nuvole :-)

4 commenti:

theyogi ha detto...

ebbene si, so 'nvidioso..... %

Fausto di Bio Correndo ha detto...

Condivido l'invidia soprattutto per il tuo momento di relax!

Alberto Bressan "Pasteo" ha detto...

Senza dubbio un paradiso!!!Ve lo siete davvero meritato!!!!

giovanni56 ha detto...

@ Yogi - quando vuoi c'è posto ... ti cerco l'occasione "podistica"?(vicino abbiamo anche la stazione dei treni Quero-Vas)

@ Fausto - spero non sia un momento, io c'ho programmato il resto della vita

@ Alberto - ci si sente :-)