domenica 29 settembre 2013

....There will be time ...

(diario odierno molto intimistico)

... Ci sarà tempo ...

Oh, There will be time to really run  ...
questa frase non fa parte ne dei versi di Eliot ne della canzone degli Osanna,
l'ho aggiunta io.
... Ci sarà tempo per veramente correre ...

Il mesetto di scarico sta terminando con un effetto collaterale indesiderato.
Sicuramente sono più riposato però, nonostante l'alleggerimento dei carichi, è ritornata la solita contrattura.
Senza motivi apparenti, con una differenza dal solito, va e viene.
Inizio a correre, magari alla partenza "punge" un pochino, poi scaldandomi il dolore diminuisce, ma dopo un tot di tempo, rallentando per la stanchezza, arrivano fitte tagliagambe tali da fermarmi; riparto, ri-aumento il ritmo ed il dolore diminuisce, cioè ... ma dico ... dovrò sempre correre velocemente?
Ma scherziamo?
Non dovrebbe essere l'incontrario?
Il punto è il solito, il doloretto continuo, fisso, è fra schiena bassa ed inizio anca (tanto da apparire come una lombalgia) però quella è la radice del muscolo, manipolando trovo il punto esatto del dolore affondando le dita nel profondo centro della natica.
Che sia arrivato il tempo per ritornare da quell'omone con le grosse mani?
There will be time ... Ci sarà tempo... anche per l'omone.

Analizzo le annotazioni sul calendario del passato recente, e noto che in primavera, quando ci siamo trasferiti, il passaggio da pianura a montagna è stato brusco, nonostante la mia buona volontà "a parole" di prenderla con calma invece il periodo di adattamento è stato breve; la voglia di scoprire nuove vie, nuove emozioni, è stata più forte ed ha vinto su quello che doveva essere un periodo molto più lungo di costruzione fisica. In un mesetto sono andato farmi molte delle salite più impegnative. Poi è arrivata l'estate, con le dure preparazioni per TransCivetta e TransPelmo, anche qua badando più alla quantità che alla qualità.
Adesso ripartirò da alcune consapevolezze acquisite.
Scelte di percorsi d'allenamento ne ho molte, ma tutte con caratteristiche allenanti simili ... salite e discese, o su o giù; sicuramente non cerco "prestazioni", ma anche per "solo correre" non è sufficiente il "solo correre", in queste condizioni ambientali mi sarà necessario, quasi indispensabile, lavorare concentrandomi maggiormente sulle mie debolezze.
I punti delicati li ho scoperti, entrando nel periodo di "ricostruzione" il primo a cui dovrò dedicare maggiori attenzioni sarà ... il culo, meglio ripararlo (in tutti i sensi del vocabolo), che ne dite?
Per il resto ...
There will be time ... Ci sarà tempo....



Oh, There will be time to turn away, There will be time
Oh, There will be time to meet and play, There will be time
And to pretend I've got a reason to be late
There will be time to die and to create
To be the tyrant or to be the slave
Oh, there will be time to wonder why, There will be time
Or to be some boarder passing by, There will be time
There will be time for every war and peace at mind
Forgettin' fairy tales until I'm blind
There will be time to curse And time to lie

Then will I dare? Then will I dare? Then will I dare?
Then will I dare? Then will I dare? Then will I dare?
What will I do? What will I say? What will I cry?
What will I do? What will I say? What will I cry?
How many How many days? How many lives?

Oh, There will be time to cross the seas, There will be time
Or to fall to fall down on my knees, There will be time
But I am spending never ending afternoons
Countin' out days with coffee spoons
In search of what has been already mine

How many days? How many lives? Yeah But there will be time...


Oh, ci sarà tempo per allontanarsi, ci sarà tempo
Oh, ci sarà tempo per incontrarsi e giocare, ci sarà tempo
E far finta di avere un motivo per essere in ritardo
Ci sarà tempo per morire e per creare
Di essere il tiranno o di essere lo schiavo
Oh, ci sarà il tempo di chiedersi il perché, ci sarà tempo
O per essere un confine di passaggio, ci sarà tempo
Ci sarà tempo per ogni guerra e la pace in mente
Dimenticando favole che mi accecano
Ci sarà il tempo per maledire e il tempo per mentire

Potrò osare?
Cosa farò? Cosa dirò? Cosa piangerò?

Oh, ci sarà tempo per attraversare i mari, ci sarà tempo
O di cadere in ginocchio, ci sarà tempo
Ma sto trascorrendo pomeriggi senza fine
Contando i giorni con cucchiaini da caffè
Alla ricerca di ciò che è già stato  mio

Per quanti giorni?
Quante vite?
Si. Ma ci sarà tempo ...

1 commento:

theyogi ha detto...

che poi c'è il tempo giusto per ogni cosa, magari è il momento di guardare allo sciatico: po'esse....?