mercoledì 30 luglio 2014

I volantini delle corse

Post dedicato a chi Organizza corse.
Premesse:
1 - capisco un Organizzatore alle prese con le 1000 problematiche che circondano una corsa, ecco che il volantino diventa uno degli ultimi pensieri;
2 - non commento le scelte estetiche fatte per evidenziare l'avvenimento.

Avendo a che fare tutti i giorni con volantini, mettendoci le mani, sezionandoli, adattandoli, riducendoli, ho notato alcune cose che potrebbero "far crescere" qualcuno.

Un unico suggerimento grafico generale: non scrivete i testi con caratteri troppo piccoli, a volte diventano illeggibili, mentre alla fin fine sarebbero la cosa più importante.

I dati INDISPENSABILI da inserire in bella evidenza sono lampanti, non stupitevi se li elenco, accade spesso che qualcuno si dimentica qualcosa:
Nome della corsa, località precisa di svolgimento (sono comode le indicazioni per raggiungerla), data, orari vari, chilometraggi dei percorsi (interessante anche il tipo, cioè: asfalto, sentieri, piano, collinare, ecc.); le modalità per iscriversi, il costo, i "ritorni" di questo costo iscrizione (ristori, premi, gadget, ecc.).
E' opportuno evidenziare se le strade dove si corre sono aperte o chiuse al traffico, e se è prevista una sorveglianza dei parcheggi.
Utile inserire anche il numero di cellulare di un referente.

Poi, logicamente, spazio libero a sponsor ed enti patrocinanti.

A volte spazi vengono sprecati per inserire informazioni inutili, a danno della leggibilità complessiva.
Capisco che l'Organizzatore cerchi di salvaguardarsi il più possibile però, ad esempio, è inutile inserire frasi del tipo: l'organizzazione non si assume responsabilità ... ecc.ecc. in quanto sia le responsabilità, sia le NON responsabilità, vengono regolate da precise leggi, dalle quali non ci si può liberare con una semplice frasetta "volante", ed eventuali liberatorie devono essere espressamente controfirmate.
Cerco di precisare qualcosa.
L'Organizzazione è SEMPRE responsabile dei danni causati da "un qualcosa" di suo, sia verso un iscritto alla corsa che verso un semplice spettatore; ad esempio una transenna che cade addosso a qualcuno, o una folata di vento che fa "volar via" un gazebo od uno striscione. Così come è responsabile se NON ha predisposto un servizio medico (obbligatorio per qualsiasi tipo di manifestazione).
Mentre NON è responsabile in caso di "incidenti in corsa" (cadute, urti, slogature, strade dissestate, ecc.), come NON è responsabile in caso di furti sulle auto (anche se era prevista la sorveglianza).
Considerate le molteplici casualità e le imprevedibilità ecco che molti Comuni, in fase di concessione del permesso di svolgimento, richiedono una copertura assicurativa per le "responsabilità civili", io credo sia opportuno che TUTTI gli Organizzatori ne stipulino una.
Ho riassunto solo qualche responsabilità, ci sono dubbi su altre, non li evidenzio, certamente non possono essere sciolti con la frasetta che ho citato.

Poi, quando l'iscrizione si fa "al momento" è inutile avere scritto nel volantino: Con l'iscrizione alla manifestazione il partecipante dichiara di essere al corrente del regolamento .... (o simili) in quanto chi si iscrive SENZA FIRMARE QUALCOSA (in quasi tutte le non competitive) non è obbligato ad informarsi sull'esistenza di regolamenti (e di volantini), l'acquisto di un cartellino (o un pettorale) gli da il diritto di partecipare, stop, tutto il resto è in più. Nelle corse dove invece è prevista una firma in un modulo iscrizione diventa un discorso diverso che evito, allungherei troppo.

Altra frase inutile è : "il ritrovamento del presente volantino al di fuori del territorio deve ritenersi casuale ecc.ecc." quando anche la materia "tributi" è disciplinata da leggi nazionali e da regolamenti vigenti nei singoli Comuni, e non auguro a nessun volantino di capitare nelle mani di un vigile ... vigile.

Sicuramente ho dimenticato qualcosa ... avete dubbi?? Chiedete anche in privato! 

Nessun commento: